Abbronzatura, guida al sole e ai problemi della pelle

Stabilimento balneare: galateo ed etichetta anche in spiaggia abbronzatura

L’abbronzatura è un argomento strettamente legato all’estate e al mare. Ma come abbronzarsi senza danneggiare la pelle ed evitare spiacevoli sorprese?

Il sole, quante ne sentiamo dire su questo soggetto? Per gli scienziati prendere troppo sole può portare al melanoma, a problemi alla pelle, ma anche all’invecchiamento precoce. È anche vero che altri sostengono che, preso con moderazione, il sole può portare dei vantaggi, come una bella abbronzatura uniforme, aiutare nella produzione della vitamina D indispensabile per le ossa e per la produzione di linfociti e globuli bianchi,

Il sole, se hai la psoriasi oppure altri problemi alla pelle, come ad esempio acne e dermatiti, regolarizzando la produzione cellulare, fa in modo che ci sia meno rischio di infezione. Inoltre il sole è persino un antidepressivo naturale dato che stimola la produzione di serotonina ed endorfine.

E quindi? Come capire se il sole ci fa bene o ci fa male?

Purtroppo se preso in dosi troppo elevate il sole può causare grossi problemi alla pelle, come ad esempio gli eritemi solari. Ne ho sofferto molto dopo la mia prima gravidanza. Mi si erano abbassate le difese immunitarie ed era sufficiente che passassi mezza giornata al sole per riempirmi di eritema solare.

Chi non l’ha mai avuto non può capire. È peggio della varicella, prude così tanto che ti gratteresti via la pelle. Davvero terribile.

Per evitare problematiche varie il suggerimento è di esporsi gradualmente ai raggi solari. Una crema solare può aiutare moltissimo. Per chi ha problemi ci sono la protezione 30, ma anche la 50. Sembrano esagerate, ma non lo sono.

Inoltre, prima di andare al mare, è bene prepararsi. Io che soffrivo di eritema solare iniziavo con il prendere ogni giorno dei microgranuli omeopatici e poi a consumare molta più frutta e verdura, soprattutto di colore rosso e giallo: peperoni, pomodori, ma anche carote, pesche e albicocche.

Questi hanno un alto contenuto di betacarotene che che protegge la pelle e concorre allo sviluppo della melanina. A questi aggiungete anche un alto consumo di ananas che contiene una sostanza chiamata bromelina che ha poteri antinfiammatori.

Chi ha la carnagione di colore più scuro è decisamente avvantaggiato rispetto alle mozzarelle come me, ma bambini e anziani devo utilizzare filtri protettivi più alti, indipendentemente dal tono della pelle.

E a proposito di filtri e creme solari, non andrebbero spalmate sulla pelle quando sei già in spiaggia, ma almeno mezzora prima di andarci per fare in modo che la pelle la possa assorbire.

Precisazioni doverose

Le radiazioni solari più pericolose sono indubbiamente le Uvb che anche se presenti in quantità minore delle Uva sono più aggressive. Sono responsabili degli eritemi solari e possono causare tumori cutanei, soprattutto nei soggetti più deboli, come bambini e anziani.

Sono invece gli Uva ad essere responsabili dell’invecchiamento precoce perché entrano in profondità nell’epidermide e distruggono le fibre di collagene, ma sono anche causa del melanoma, il più brutto tumore della pelle.

Allergici al sole

Ad avere problemi con l’esposizione al sole sembrano essere circa sei milioni di persone, soprattutto donne che vengono colpite sulle braccia e nella zona del collo e petto. A volte le problematiche peggiori posso presentarsi dopo una gravidanza o a seguito di malattie che fanno diminuire le difese immunitarie dell’organismo.

L’abbronzatura è bella, una pelle abbronzata ha spesso l’aspetto più sano, ma bisogna fare attenzione e prendere il solo gradualmente. Creme ad alta protezione non impediscono l’abbronzatura, allungano solamente il tempo necessario a scurirsi.

Ma meglio impiegarci più tempo che rischiare di danneggiare la propria pelle. E per quanto riguarda la vitamina D, prodotta grazie al sole, non hai bisogno di sottoporti a bagni di sole alla una del pomeriggio, infatti gli esperti e i ricercatori, non ché medici, consigliano di non stare sotto il sole cocente delle ore più calde della giornata (dalle 12 alle 14 soprattutto).

Leggi anche

 

 

 

 

 

 

[Total: 4 Average: 5]
Loading...

Alice

Marina Galatioto, scrittrice, giornalista, blogger e sceneggiatrice ha inventato il personaggio di Alice creandogli attorno un ambiente semi serio e semi vero. La Mainini è esistita davvero, così come le collezioni Mainini. Le disavventure di Alice, acquistabili su Kobo, Amazon e altri store,hanno dato il via ad eventi a catena e parte del romanzo sta diventando realtà!!

Alice ha 318 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Alice

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: